IC SOLIERA

Messaggio Santo Natale 2020

Cari bambini e bambine, gentili famiglie, gentili docenti e collaboratori della nostra scuola, 
siamo arrivati a Natale. 
Sono passati poco più di tre mesi da quando, con tutte le precauzioni imposte dal Covid, abbiamo ripreso il percorso scolastico interrotto a fine febbraio.
É stato tanto bello rivedersi e ricominciare la scuola che si sopportava persino il fastidio delle mascherine.     
A metà dicembre erano 180000 le mascherine e oltre 600 i litri di gel idroalcolico distribuiti:  una quantità enorme perché per rendere la scuola sicura  è stato fatto uno sforzo senza precedenti.  
A fine ottobre abbiamo cominciato a registrare contagi nelle classi della scuola in concomitanza con l’incremento dei casi in tutto il nostro paese. 
Negli ultimi due mesi venti classi sono state sottoposte a screening dopo la rilevazione di una persona positiva e, tra queste classi, dieci sono dovute rimanere in isolamento per la scoperta di ulteriori positività. 
In questo periodo quindi una classe su tre è stata testata e una su sei è stata isolata. 
Voglio ringraziare il personale sanitario dell’AUSL che con professionalità e disponibilità ci ha seguito in questo faticoso susseguirsi di test e isolamenti. 
Voglio ringraziare docenti e famiglie per la collaborazione e la pazienza con cui hanno collaborato negli screening e negli isolamenti e nel continuare a fare scuola anche a distanza con le modalità stabilite nel piano scolastico per la didattica digitale integrata.   E voglio ringraziare i bambini e i ragazzi che sono stati bravissimi in questa pandemia: li vedo arrivare sorridenti alla mattina per andare a misurare la temperatura, sistemare le mascherine che si spostano sempre e poi correre in aula per un’altra magnifica giornata di scuola.

Ad oggi sono poco più di cinquanta i casi di contagio confermati di bambini e adulti nel nostro istituto e il dato mostra che la scuola ha la stessa percentuale di contagi dell’intera comunità solierese. 
Cinquanta persone positive tra le 1600 persone che  frequentano quotidianamente l’istituto comprensivo, cinquecento le persone positive tra i 16000 abitanti del comune di Soliera.  Le persone dell’istituto sono un decimo del paese di Soliera e il numero di persone positive a scuola sono un decimo dei positivi del paese: le attività scolastiche sono rischiose come tutte le altre attività della comunità. 
In queste settimane le preoccupazioni per le persone colpite dalla malattia, l’ansia delle famiglie chiuse in quarantena con familiari positivi, il dolore per chi ha perso una persona cara, la stanchezza e lo sconforto per una situazione che non migliora hanno accompagnato  le nostre giornate a scuola. 
Ora ci aspetta la pausa natalizia e il pensiero di non poterci riunire serenamente con le famiglie e gli amici ci potrebbe scoraggiare. 
Voglio rileggere con voi le parole dell’augurio che il Presidente Mattarella ha rivolto a Papa Francesco in occasione del suo compleanno. 
Il Natale ormai alle porte sarà celebrato in circostanze del tutto particolari. 
Pur nel disagio che esse possono comportare, tali limitazioni dischiudono un richiamo agli aspetti più autentici ed essenziali di questa festa e del suo universale messaggio di fratellanza e di pace.” 
Nella speranza di riprendere il percorso della scuola dal 7 gennaio con rinnovata passione e gioia, auguro Buon Natale e un Sereno Anno Nuovo, portatore di pace e salute, a voi e alle vostre famiglie.

Tiziana Segalini